TAVOLO DELLA PACE NAZIONALE


Vinci l’indifferenza: il grande male del nostro tempo!

Il commento di Flavio Lotti al messaggio di Papa Francesco per la giornata mondiale della pace del 1 gennaio 2016

Coraggio!
Non disperiamo!
Investiamo sulla solidarietà!
Facciamo della solidarietà e della fraternità il nostro programma e il nostro stile di vita!
Solo così possiamo vincere l’indifferenza e conquistare la pace.
Papa Francesco ha scelto di celebrare la giornata mondiale della pace del 1 gennaio 2016 con un messaggio che punta il dito contro il male più grande dei nostri giorni e ci invita a contrastarlo con fiducia e impegno.
Il male è l’indifferenza.
Non un male qualunque ma il peggiore dei mali.
All’ombra dell’indifferenza si sono compiuti i peggiori crimini dell’umanità.
Ma, nota Papa Francesco, “ai nostri giorni essa ha superato decisamente l’ambito individuale per assumere una dimensione globale e produrre il fenomeno della “globalizzazione dell’indifferenza”.
La denuncia più forte Papa Francesco l’aveva già fatta due anni fa nel suo viaggio a Lampedusa, all’indomani dell’ennesima strage di migranti: “La cultura del benessere, che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere in bolle di sapone, che sono belle, ma non sono nulla, sono l’illusione del futile, del provvisorio, che porta all’indifferenza verso gli altri, anzi porta alla globalizzazione dell’indifferenza.
Ci siamo abituati alla sofferenza dell’altro, non ci riguarda, non ci interessa, non è affare nostro!”
“Quando poi investe il livello istituzionale, sottolinea oggi il Papa, l’indifferenza nei confronti dell’altro, della sua dignità, dei suoi diritti fondamentali e della sua libertà, unita a una cultura improntata al profitto e all’edonismo, favorisce e talvolta giustifica azioni e politiche che finiscono per costituire minacce alla pace.”
La risposta a queste minacce è innanzitutto nella responsabilità personale.
Si è responsabili quando si vede un problema e invece di restare indifferenti si cercano le strade e i mezzi per risolverlo.
Quante volte abbiamo detto o sentito dire “Ma io che c’entro?”, “A me che importa?” “Non sono io il responsabile!”
Contro questi atteggiamenti forieri delle peggiori tragedie umane e ambientali, Papa Francesco propone ai credenti “la conversione del cuore” all’insegna della solidarietà e della fraternità autentica.
Ma poi estende il suo appello a tutti e ciascuno: alle famiglie “chiamate ad una missione educativa primaria ed imprescindibile”; agli educatori e i formatori “che nella scuola o nei diversi centri di aggregazione hanno l’impegnativo compito di educare i bambini e i giovani” e, infine, agli operatori culturali e dei mezzi di comunicazione sociale che hanno “il compito innanzitutto di porsi al servizio della verità e non di interessi particolari.”

Se davvero vogliamo la pace, quella vera fondata sulla giustizia e il rispetto dei diritti umani di tutti, non dobbiamo fare altro che riconoscere ed espandere il positivo che c’è in tanti percorsi personali e collettivi.
Con questo stesso spirito, il 10 dicembre, la Tavola della pace, il Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani e la Rete della PerugiAssisi hanno dato avvio ad una campagna contro l’indifferenza, l’egoismo e la rassegnazione che sfocerà in una nuova grande Marcia PerugiAssisi per la pace e la fraternità fissata il 9 ottobre 2016.
Chi vuole partecipare ha già un primo appuntamento l’8 e 9 gennaio 2016 alla Rotonda a Mare di Senigallia dove si terrà il Corso di formazione e ricerca per insegnanti, amministratori locali e operatori sociali “Global Threats - Glocal Education”.
Perché la pace si costruisce assieme.
“Il mondo non è minacciato dalle persone che fanno il male, ma da quelle che lo tollerano.” (Albert Einstein).
Flavio Lotti
Coordinatore della Tavola della pace
Perugia, 15 dicembre 2015
La memoria come un tesoro
Tavola della pace
via della Viola, 1 Perugia
M. 335.1431868 - T. 075/5736890
segreteria@perlapace.it www.perlapace.it




tavolo nazionale bassa romagna

tavolo nazionale bassa romagna

Verso Perugia-Assisi: una nuova marcia lunga un anno
Organizziamo insieme una MARCIA per la PACE nella Bassa Romagna
per DOMENICA 30 MARZO!

A P P E L L O alle ASSOCIAZIONI, ai CITTADINI, agli ENTI LOCALI

e alle ISTITUZIONI della PARTECIPAZIONE

 

La prossima MARCIA PER LA PACE PERUGIA-ASSISI si svolgerà tra un anno, domenica 19 ottobre 2014, ma la sua preparazione comincerà ... adesso!
E' la Marcia per la pace Perugia-Assisi che si trasforma e si mette al servizio di un percorso lungo un anno. "Vogliamo promuovere un percorso, sottolinea Flavio Lotti coordinatore del comitato promotore, anzi tanti nuovi percorsi di pace capaci di rinnovare ed accrescere l'impegno concreto del nostro paese contro l'impoverimento, le guerre e l'indifferenza.
La pace è in serio pericolo, fuori e dentro il nostro paese.
E richiede il nostro impegno urgente.
Non servono eventi occasionali ma percorsi di pace.
Percorsi che devono entrare a far parte della vita quotidiana di ciascuno e che dunque devono partire dai luoghi in cui viviamo, dalle nostre città."
Alcuni territori sono già partiti con le Marce di Forlimpopoli-Bertinoro, del Lodigiano e di Campobasso.
"Vogliamo continuare andando di città in città organizzando nuove marce capaci di sensibilizzare, mobilitare e unire le donne, gli uomini e le istituzioni di buona volontà", dicono i promotori della PERUGIA-ASSISI, "con cui vogliamo rilanciare il progetto di un'altra Europa, un'Europa dei cittadini, inclusiva, solidale e nonviolenta".
La marcia del 19 ottobre 2014 segnerà il culmine di tutti questi percorsi, nel mezzo del semestre di Presidenza italiana dell'Unione Europea; a 100 anni dalla "inutile" strage che fu la prima guerra mondiale; a 20 anni dal conflitto cruento nei territori dell'ex-Jugoslavia, nel cuore della civile Europa; a poche settimane dalle tragedie di Lampedusa, dove hanno trovato la morte 500 eritrei che fuggivano dal loro paese martoriato dalla guerra; a pochi minuti dai genocidi in Sud America, in Asia, in Africa.
E vogliamo fare in modo che la prossima marcia Perugia-Assisi - che sarà una MARCIA Europea con cui vogliamo rilanciare il progetto di un'altra Europa, un'Europa dei cittadini, inclusiva, solidale e nonviolenta - sia organizzata dai giovani.
Vogliamo che sia l'occasione per consentire a tanti giovani di essere protagonisti di una grande iniziativa di pace, di sentirsi responsabili della storia e del processo di trasformazione del mondo, di scoprire il senso, il significato e il valore dell'impegno per la pace, la giustizia e i diritti umani."
Un ruolo importante lo avrà la scuola dove ha già preso avvio il Programma nazionale di educazione alla cittadinanza democratica "Pace, fraternità e dialogo" promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani in collaborazione anche il Ministero dell'Istruzione.
Ecco allora la nostra PROPOSTA: costruiamo ed organizziamo insieme una MARCIA per la PACE nella Bassa Romagna nei territori di Bagnacavallo-Lugo e dintorni coinvolgendo il maggior numero possibile di associazioni e cittadini, giovani e comunità scolastiche, Comuni e Istituzioni della partecipazione; sarà praticabile solo se riusciremo a creare una solida RETE.
La DATA più indicata sulla quale ci siamo orientati (anche per evi tare il periodo pre-elettorale) é DOMENICA 30 MARZO, un inizio di primavera per la Pace! Chiediamo - insieme al Comitato promotore della MARCIA PERUGIA ASSISI - il vostro INDISPENSABILE aiuto nella condivisione e nella costruzione di questa iniziativa e di concreti percorsi di pace!
La Marcia per la pace della Bassa Romagna è organizzata dal Coordinamento per la Pace di Bagnacavallo, con il patrocinio dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna e dei Comuni di Alfonsine, Bagnacavallo, Cotignola, Fusignano, Lugo, Massa Lombarda.
Tantissime le realtà che hanno aderito con entusiasmo all'iniziativa:
Circolo ARCI Casablanca di Villanova, Tenda della Pace Villanova, associazione Amici di Neresheim di Bagnacavallo, associazione culturale "Il pane e le rose" di Bagnacavallo, Pro Loco Bagnacavallo, associazione Help For Family di Bagnacavallo, AIDO Bassa Romagna e AIDO Bagnacavallo, ANPI Rossetta, associazione interculturale Jam Salam di Bagnacavallo, associazione interculturale Arcobaleno di Lugo, associazione Civiltà Etica, Il Delirio dell'Economia Lugo, il Movimento Internazionale di Riconciliazione di Lugo, il Coordinamento Obiettori Fiscali alle spese militari Lugo, LuGas, Comitato Africa Alfonsine, Casa dei popoli Lugo, associazione Teen Theatre Cotignola, parrocchie di San Michele e San Pietro di Bagnacavallo, Gruppo Scout Bagnacavallo 1, ANPI Bagnacavallo, Legambiente Bassa Romagna, associazione culturale Primola Cotignola, CGIL Provincia Ravenna, UIL Provincia Ravenna, CISL Romagna, associazione culturale Cinecircolo Fuoriquadro, associazione culturale Sonora Social Club, associazione Pereira, AVIS Bagnacavallo, Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Lugo, Centro di Documentazione Don Tonino Bello di Faenza, Gruppo Emergency di Faenza, BagnaGas, associazione culturale Civiltà delle Erbe Palustri, i Consigli di Zona di Bagnacavallo Centro, Villa Prati, Rossetta, Villanova, Boncellino, associazione multiculturale Iride di Lugo, Unione comunale ANPI Lugo, Circolo ACLI di Lugo, associazione musicale Doremi Bagnacavallo, Gruppo Camminatori Lugo, Nordic Walking Bassa Romagna, PavaglioneLugo.net, associazione L'incontro di Villa Prati, Polisportiva Rossetta, centro sociale Il Senato Villanova, Coldiretti Ravenna, associazione Amici dell'Abbondanza Bagnacavallo, centro sociale Il Tondo Lugo, UDI Massa Lombarda, Amici della Bici del Tondo di Lugo, centro sociale Cà di Cuntadèn Sant'Agata, Circolo AUSER di Massa Lombarda, CGIL Massa Lombarda, ANPI Massa Lombarda, AVIS Massa Lombarda, Podistica Massa Lombarda, associazione Amici dello IOR Massa Lombarda, Circolo fotografico di Massa Lombarda, istituto comprensivo Lugo 1 Baracca, istituto comprensivo di Bagnacavallo, Università Popolare per Adulti "Umberto Pagani" di Alfonsine.
Per informazioni:
COMITATO PROMOTORE MARCIA PER LA PACE DELLA BASSA ROMAGNA
Piero Tamburini: pierotam@libero.it
Ufficio Comunicazione dell'Unione dei Comuni Bassa Romagna: Tel. 0545 38485




Giornata della memoria e dell'impegno

La XIX° Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime delle mafie, si celebrerà nel Lazio, a Latina, il 22 marzo 2014.


marcia della pace assisi 2914

La Marcia per la pace Perugia-Assisi si svolgerà domenica 19 ottobre 2014 e giungerà al termine di un percorso lungo un anno.
La Marcia si svolgerà a metà del semestre di Presidenza italiana dell’Unione Europea, a 100 anni da quell’inutile strage che fu la prima guerra mondiale.
Per leggere tutto l'articolo del volatino cliccare sull'immagine


marcia della pace Perugia-Assisi 5 dicembre 2013

PerugiAssisi Dalla Marcia di un giorno alla marcia di tutti i giorni

Seminario di riflessione e di proposta Giovedì 5 dicembre 2013 ore 10.00 - 17.00 Assisi, Sacro Convento di San Francesco
Di fronte ad una situazione sempre più complessa e a una crisi che si fa sempre più pesante è necessario ripensare i nostri percorsi di pace.
La Marcia per la pace Perugia-Assisi che si svolgerà il 19 ottobre 2014 è una meta e un importante strumento di lavoro che ci deve aiutare a stimolare un impegno sempre più maturo e diffuso, a partire da ciascuna delle nostre città ed esperienze.
Il 5 dicembre vieni ad Assisi!!!
La pace va pensata, progettata e costruita insieme!
Per questo contiamo sulla sua partecipazione attiva!
Per adesioni e informazioni:
Comitato Promotore Marcia Perugia-Assisi via della viola 1 (06100) Perugia,
Tel. 335.6590356 - 075/5736890 - fax 075/5739337
email: perugiassisi@perlapace.it - www.perlapace.it


Insieme per la pace : - "Dalla Marcia di un giorno alla Marcia di tutti i giorni".

Ci stanno togliendo la pace. Troppe persone precipitano nella poverta' e nella disperazione. Succede ogni giorno in Italia, in Europa e in tante parti del mondo. Troppe ingiustizie si sommano a troppe disuguaglianze. Troppi problemi attendono... (Leggi tutto)


29 settembre 2013 Marcia della Pace Romagna, la Forlì-Bertinoro

immagine marcia della pace a forli-bertinoro
Appuntamento a Forlì, in Piazza Saffi alle 9:30: il ritrovo di chi andrà a Forlimpopoli in bici.
Alle 10:30 a Forlimpopoli, ritrovo e partenza a piedi.
Alle 13: arrivo del corteo alla Rocca di Bertinoro, dove ci saranno stand gastronomici, musica dal vivo, banchetti di associazioni, intrattenimento per bambini e apertura del Museo Interreligioso.
In allegato:
Il volantino dell'associzione TANK: per chiunque volesse vestire per l'occasione i panni del fotoreporter.

.





motivo di pace  

torna all'inizio